31.5.19

Le Serie TV sono migliori?






Ci siamo dentro in diversi, sempre più... nella spirale di Netflix e servizi streaming simili. E anche in Italia la febbre delle Serie TV ha infiammato i più giovani e i meno giovani. Con quanto hype siamo in attesa del proseguo di quella serie? Anzi, più di una...

Ci sono dentro anche io, con tutte le scarpe, lo ammetto. Però non esageriamo! Evidentemente ci sono fan così fissati che affermano la superiorità assoluta delle Serie TV rispetto tutte le altre forme di narrazione. Di recente mi è capitato di ascoltare tale affermazione: "Le serie permettono di sviluppare meglio la storia, approfondendo anche il lato umano dei personaggi... le Serie TV sono più avvincenti dei fumetti, dei libri e anche dei film. Per me i Cinema sono morti!"

Per quanto questo pensiero può avere passaggi veritieri, l'argomento è posto in maniera totalmente errata. Mettere a confronto diversi medium utilizzati per narrare non porta da nessuna parte. Ognuno di noi può avere le proprie preferenze o gusti personali e magari prediligere alcune forme di intrattenimento rispetto le altre, ma siamo anche capaci a scindere il nostro gusto dal giudizio che poi diamo senza mezzi termini verso ciò che non ci attira? Il Fumetto, le Serie TV, il Cinema, la Narrativa (in forma scritta)... sono mezzi differenti con pro e contro specifici. Il mio consiglio? Siate curiosi, sempre! 



P.S.
L'immagine in alto è tratta da una Serie che adoro: "The it crowd"




30.5.19

Sabrina (Dili)







Guarda la videorecensione a "Sabrina" edito da Coconino Press!

Dili -





24.5.19

Fine della Settimana della Poesia (20-26 Maggio)






E' finita l'anomalia su NumeroZeroComics! Con questo post si conclude la Settimana della Poesia. L'iniziativa è nata per due ragioni. La prima era presentarvi la nuova versione aggiornata (copertina e menu) di Poesie SottoVuoto, per l'occasione mi è parso carino rendere gratis per qualche giorno entrambe le mie raccolte poetiche in vendita su Amazon. Se nel caso vi state chiedendo se ci sarà, in futuro, ancora la possibilità di scaricare questi miei eBook gratis... La risposta è no. Almeno, non nella modalità che avete assistito nei giorni passati.

Da ora in poi tutte le mie raccolte poetiche in formato Kindle saranno vendute a 2,99 Euro.
C'è ancora una seconda ragione del perché ho voluto dare rilevanza alle mie creazioni in questa settimana, ma vi farò attendere fino a termine post...








Voglio condividere con voi i dati delle visualizzazioni di alcune delle mie poesie che ho ripresentato su NumeroZeroComics. Per me è un dato entusiasmante constatare l'apprezzamento dei visitatori. Fermo restando che questo è un sito focalizzato principalmente sul Fumetto (da lunedì si ricomincia!) è un dato molto positivo che persino un post con una mia sola poesia possa portare più di 500 visite. Vi ringrazio davvero.

L'annuncio che ho lasciato per ultimo è che nella prima parte del 2020 verrà pubblicata la mia nuova raccolta poetica, la terza. Il titolo? Poesie Sotto*****




L'inizio






Appena 17enne su uno scooter freddoloso come il conducente. Erano settimane nebbiose nel paesino della bassa Modenese dove allora abitavo. Avevo appreso che ogni martedì alle 19:30, nella biblioteca comunale, si riuniva una decina di persone unite dall'insolita passione per la Poesia. Quindi, nonostante il freddo e l'umida aria che respiravo nel breve tragitto, ero lieto. Finalmente avrei conosciuto di persona altri esseri umani con la mia stessa passione. Si può dire che ho sempre amato la Poesia, ho incominciato a scriverla molto presto. La sintesi, l'immediatezza, la profondità. Sono le caratteristiche che mi hanno sempre colpito.
Ma quando esprimevo questi sentimenti a conoscenti e amici, riscontravo che l'argomento era poco interessante per loro. Di conseguenza con il tempo tenni solo per me questa sensibilità. Alieno fra gli umani.

Le cose però non erano così. E lo scoprii quella sera di Novembre nella biblioteca comunale. Il gruppo di poeti che si riunivano erano di diverse estrazioni sociali. C'era l'operaio metalmeccanico, la pensionata, la figlia di papà, il disoccupato...
La nostra unione erano le poesie lette a bassa voce o con fervore, quasi come confessarsi l'uno agli altri. Erano momenti sospesi e magici, che purtroppo terminarono troppo presto. Proprio perché questo ricordo è rimasto dentro me indelebile, decisi di intraprendere diversi anni fa la carriera da blogger. Il mio obiettivo è ricreare un pizzico di quella magia. Nel web, qui ed ora.




23.5.19

Il prato






IL PRATO

In sconfinati prati
della mente mia
velocemente nasce
l’idea non più prigioniera.
L’idea che desidera un prato
libero da paragoni esterni.
Un prato per la mente
che possa creare pace.




20.5.19

Scarica tutte le mie Poesie gratis (fino al 22/5/2019)






Ho pensato di fare cosa gradita ai miei cari lettori... per tre giorni partendo da ora, potrete scaricare gratis le mie due raccolte poetiche edite. Vi ricordo che sono entrambe in formato eBook per Kindle. Per scaricare Poesie SottoVuoto (con copertina e menu interno aggiornato) cliccate qui. Per scaricare Poesie SottoSopra cliccate qui. Fatemi sapere che ne pensate, mi raccomando.

;)





Generazione Call center





"Mate Service" è il nome dell'azienda che cerco. Il navigatore mi ha guidato con disinvoltura presso l'indirizzo, ma l'azienda dov'è? Mi trovo di fronte ad un enorme palazzo: molto largo, almeno 300 metri, e altro tre quattro piani. Il numero civico è il medesimo per le varie attività commerciali che lo compongono. Al primo piano si trovano alcuni negozi: abbigliamento femminile, negozio di/per animali... ed un bar. Sarà la mia salvezza? Appena entro comprendo di essere nel posto giusto, non troppo lontano dal bancone riconosco una particolare specie umana che identifico al volo gli sfigatelli... ne faccio parte anche io, ecco perché! Mi avvicino ai tre ragazzotti e chiedo <<Anche voi per il colloquio con la Mate Service?>>. Uno dei tre: quello con il piercing al naso risponde <<Sì, l'ufficio è al terzo piano... ma non c'è fretta, il colloqui vanno per le lunghe>>. Poi il ragazzo accanto interviene <<Ciao sono Cecilia, ci sono almeno in venti in fila di sopra>>. Mazza che cessa Cecilia.

Siamo in dieci seduti attorno ad un tavolo rettangolare, bianco. Aria condizionata a palla, bottigliette d'acqua naturale e bicchieri da caffè in plastica. Finalmente arriva trafelata una donna minuta con sottobraccio una cartellina, è vestita con un elegante tailleur grigio <<Buongiorno ragazzi e ragazze, scusate per l'attesa! Incominciamo subito?>>. Tutti in coro vorremo dire <<E daje!>>. Lei continua <<Magari vi sarete domandati di cosa si occupa la nostra azienda. Noi della Mate Service operiamo in un campo in estrema crescita... dove il valore del singolo viene sempre premiato. Un azienda 3.0!>> purtroppo prosegue per almeno dieci minuti a spiegarci il nulla assoluto e sinceramente non ho ancora capito che lavoro offrono. La donnina tailleur accende un proiettore e ci domanda <<Nel nostro vivere contemporaneo, di cosa non potremo fare assolutamente a meno?>>.
<<Il sesso>> dice qualcuno,
<<La musica>>, <<L'aria!>>,
<<Le biire>> dice Cecilia.
Interviene tailleur grigio <<Ok ok... vi do un aiutino. Guardate sul tavolo. Quale oggetto ognuno di voi ha poggiato sul tavolo?>>.
<<Quindi vendete smartphone!>> affermo fiducioso e trionfante. <<No Di Cioccio. I vostri smartphone sarebbero inutilizzabili senza l'energia elettrica. E noi lavoriamo in tale ambito. L'azienda fondata dal luminare Felipe Mate lavora da sempre nella produzione di energia elettrica pulita, prodotta ad impatto zero. Ora insieme al direttore d'ufficio dovrete eseguire un test della durata di un trentina di minuti, poi per oggi avrete finito. Ci vedremo domattina, con chi verrà assunto, alle 9:30, siate puntuali!>>.

Decidere come vestirmi è stato un problema. E ora qui alla postazione da lavoro capisco di essere fuori luogo con il mio abbigliamento. Non immaginavo di trovare un ambiente simile, in ufficio, un PC, una scrivania... per farci cosa poi? Gli altri sono molto più eleganti di me: camicia e persino cravatta per gli uomini, abitini eleganti le donne. Ma di che mi lamento? Stasera comprerò quello che mi occorre per essere presentabile, ho un contratto di lavoro indeterminato!








Comunque è stato davvero strano il test di ieri, quello che dovevamo superare. E del gruppo di cui facevo parte, sono passato solo io. Ma anche ora, non credo di comprendere in cosa sono stato migliore, anzi ero sicuro di aver fatto una brutta impressione al direttore. Ah! Il direttore dell'ufficio... un tipo alquanto originale. Sergio, sulla trentina, tenuta e postura da golfista consumato, somiglianza a Tiger Woods sconvolgente... merito delle lampade abbronzanti?


La sua apparizione è stata breve: spiegazione del test, durata un minuto. Poi a termine test, altro minutino. In che consisteva il test? Vi starete chiedendo, ed io continuo a chiedermi a cosa sia servito. Sergio esordì così <<Ragazzi avete mezz'ora da orologio per eseguire il seguente compito. Immaginate che voi dieci siete a bordo di una piccola imbarcazione alla deriva: un motoscafo o una barchetta a remi. Siete in mezzo all'oceano e attendete da giorni l'arrivo dei soccorsi. Le provviste iniziano a scarseggiare e in lontananza scorgete con timore l'arrivo di un temporale. Siete consapevoli che la vostra imbarcazione non potrà muoversi, siete in totale balìa dagli eventi atmosferici, e siete consapevoli che non reggerà alle onde che presto arriveranno. La decisione anche se è dura, è solo una: dovrete lasciare in acqua al suo triste destino uno di voi... Chi lascerete in mare, tra voi dieci? Tra trenta minuti mi dovrete dare una risposta concorde tra tutti voi>>.


<<Ma che cavolo di test è questo?>>
<<Come si fa a decidere chi buttare in acqua? Per poi lasciarlo morire?>>
<<Se... magari scegliamo uno di noi a caso, poi quella persona non verrà assunta?>>
<<... Oppure è l'opposto magari. Verrà preso in considerazione e verrà messo a lavorare chi scarteremo?>> frasi e ragionamenti simili furono al centro del nostro test. Passarono i minuti assegnati e la situazione si era a dir poco resa paradossale. Il nostro gruppo aveva una risposta condivisa. Attendevamo il Sergio.


<<Bene Di Cioccio... si accomodi pure>> ora sono nell'ufficio del direttore <<... devo dirle carissimo che mi ha colpito la sua determinazione nell'affrontare il test di ieri. Eccola qui, ho appuntato la risposta su cui siete stati concordi come gruppo... e aggiungo declamata da lei con particolare passione "Questo test è una cagata pazzesca!">>, sorride e continua <<Davvero originale, non c'è che dire. Ecco perché fa parte del nostro organico. Non mi interrompa per favore... sennò perdo il filo del ragionamento. Stamattina magari si chiedeva in che cosa consisteva il suo nuovo impiego e forse non ci crede ma è estremamente collegato al suo test. Il suo impiego sarà stimolare fiducia nei suoi ascoltatori, dovrà in poco tempo e in poche parole pilotare le decisioni dei suoi nuovi clienti. Come ben sa, il suo è un contratto di lavoro indeterminato. Però è giusto che chiarisca alcuni particolari, il suo lavoro è flessibile e libero. Lei può decidere quanto tempo dedicare al suo impiego, a noi non interessa, è una sua responsabilità. Ad esempio potrebbe lavorare anche solo al mattino, oppure alcuni giorni full-time e altri liberi... sarà soltanto lei a deciderlo. Alla Mate Service lavoriamo per dei committenti che commercializzano offerte di fornitura luce e gas. Dalla sua postazione in automatico, il sistema inoltrerà chiamate nel territorio nazionale. Solo ad utenze residenziali. Una volta che avrà convinto il nuovo cliente, per legge, dovrà attivare una registrazione e leggere uno script ufficiale, il nuovo cliente dovrà rispondere alle domande solo in maniera affermativa. Ogni volta che porterà a buon fine una registrazione avrò sottoscritto un contratto di fornitura energetica. Lei guadagnerà 20 euro netti in busta paga a fine mese. Come ben comprende, lei Di Cioccio può crearsi la busta paga che meglio desidera. Basta impegnarsi! E metta a buon frutto il suo ascendente sugli altri... ultima cosa, prenda le sue cuffiette>>.



19.5.19

2019 La settimana della Poesia (20-26 Maggio)






Per una settimana questo blog cambia pelle, per poi ritornare tutto come prima. La prossima settimana... da domani (20 al 26 Maggio 2019) tutti i post inseriti saranno a tema poesia, la mia per essere chiari.
Ci saranno importanti annunci e iniziative che mi riguardano. Sarà un viaggio breve ma spero interessante anche per voi. A presto...

P.S.
Se ci saranno news urgenti dei temi usuali del blog, verranno ugualmente postati.





17.5.19

ODESSA: Trailer Ufficiale!






Tra pochi giorni (25 Maggio 2019) arriverà la nuova serie a fumetti Odessa. Nel frattempo guardatevi il trailer ufficiale:





La Lupa (Dili)






Guarda la videorecensione a "La Lupa" edito da Saldapress!

Dili -





15.5.19

Batman Dark Knight DK, Frank Miller (il post definitivo)






"Come iniziare ad avvicinarsi a Batman? Al vero Batman, quello dei comics?" 
La risposta a tali domande differisce. Qui di seguito troverete il mio consiglio, iniziate così... con Frank Miller! Trovate in continuity logica tutti i suoi fumetti che fanno parte (in maniera diretta o latente) all'universo dedicato al vigilante incappucciato:











13.5.19

Razza Suprema DK3, Frank Miller







A distanza di 13 anni da il precedente DK2, Frank Miller (insieme a Brian Azzarello) scrive l'epica conclusione della sua mega-run sul Cavaliere Oscuro.








Razza Suprema DK3 riesce ad alzare nuovamente l'asticella della qualità che si era in parte persa nel precedente Il Cavaliere Oscuro colpisce ancora (DK2). In DK3 ci viene raccontata una Gotham cupa e apocalittica, assediata da terribili nemici. Forse, con l'apporto dei componenti della Justice League si riusciranno a contenere i danni? Miller ancora una volta confeziona una storia convincente e molto cinematografica. Una lettura entusiasmante.







Prima di concludere vorrei dire due parole sul disegno che in questo caso è stato affidato a Andy Kubert. Diversi lettori non lo hanno trovato efficace e reputano poco professionale l'aver emulato lo stile di Frank Miller... Lasciatemi dire che è oggettivamente errato giudicare le tavole di Kubert "brutte" o "poco efficaci". E' pacifico che Andy Kubert ha omaggiato coscientemente lo stile di Miller nel suo periodo migliore come disegnatore: vedi Sin City e il ciclo di Daredevil. E' innegabile però la differenza rispetto lo stile del maestro. Polemica inutile, almeno per me. 
#Comics consigliato, almeno per me.




12.5.19

TOP 10 Best-Selling Comics! (April 2019)





Diamond Announces Top Products for April 2019. Watch here:






11.5.19

Antonio Serra presenta ODESSA







Antonio Serra presenta la nuova serie ODESSA (by Sergio Bonelli Editore). Qui sotto, il video:





7.5.19

L'ultima crociata, Frank Miller







Verso il 2015 Frank Miller è ritornato in DC per realizzare il capitolo finale de "Il ritorno del Cavaliere Oscuro - Razza Suprema" (DK3). Nel mentre si dedicava alla run in nove parti si preoccupò anche di produrre un nuovo #comics, il quale aggiunge un tassello importante a tutta la storia complessiva.







E' un titolo L'ultima Crociata che si posiziona - in linea temporale - poco prima gli eventi narrati ne "Il ritorno del Cavaliere Oscuro" (DK1). Lo so potrebbe risultare un po' contorta la sequenza delle opere di Miller dedicate al suo Batman. Ecco perché trovate su NumeroZeroComics la continuity logica (link) per una lettura più agevole!






L'edizione italiana a cura di RW Edizioni risulta ancora reperibile. Non vi aspettate un volume, perché è una storia breve raccolta in spillatino (ma cicciottello). Ai disegni troviamo il sempre talentuoso John Romita Jr., è una collaborazione che funziona molto bene: tra il mitico sceneggiatore e il disegnatore. Ed insieme ci sono importanti lavori in cantiere... dedicati all'Azzurrone.
Vi consiglio "L'ultima Crociata" perché va a definire meglio le motivazioni di Batman e della sua nemesi Joker, introdotte nella prima parte di DK1.