7.11.18

Graphic Novel, l'evoluzione del Fumetto? (03)



Come ben sapete ogni Paese produttore di titoli a fumetti ha la sua tradizione (e l'Italia ne fa parte... evviva!) con i suoi codici, i suoi formati. E' utile notare che i lettori sia che prediligono i #comics o i #manga - per fare un esempio - si ritrovano di frequente a leggere gli stessi titoli a fumetti affrancandosi sotto la bandiera simbolica e trasversale delle Graphic Novel. Parlai anche in passato delle divergenze che lettori prevalentemente di fumetto americano possono avere verso i lettori prevalentemente di fumetto giapponese (ne ho parlato qui, e anche qua).

Ma lo stesso discorso, a mio modo di vedere, vale anche per i lettori provenienti da altre scuole di fumetto nazionale. Vista in tale soggettiva le graphic novel sono un evoluzione del medium Fumetto. E' un po' una zona franca, dove spesso l'autore si occupa sia dei testi che dei disegni e dove può esprimersi senza tanti limiti legati alla continuity da rispettare o a personaggi di fantasia (legati da copyright) da egualmente rispettare senza snaturare. Potrebbe tutto ciò portare alla conclusione che "le Graphic Novel sono i migliori fumetti in circolazione!", ma le cose stanno così?