27.9.18

Piccoli furti, Michael Cho






Michael Cho è un celebre illustratore per testate editoriali americane. Con la graphic_novel Piccoli furti esordisce come autore completo. Ci sono alcune chicche che rendono questo titolo interessante: il disegno in primis e la storia.







Da un illustratore con la sua esperienza non ci si poteva che aspettare uno stile originale e personale. La scelta cromatica è una delle peculiarità vincenti: nero e rosa. Proprio così! In effetti Cho avrebbe potuto anche disegnare nel classico bianco e nero, ma come scelta artistica ha optato per un rosa (no rosa porcello, ma una tonalità più lieve) che utilizza nelle tavole come se fosse un grigio. Il suo disegno così composto è gradevole, per nulla eccentrico e dannatamente adatto alla storia che ha una protagonista femminile.






La storia breve è focalizzata sulla protagonista Corinne che fin dalle prime battute la scopriremo insoddisfatta e "sempre fuori posto" nel ruolo che ricopre come impiegata pubblicitaria. Per rendere la sua esistenza più emozionante si lascia andare talvolta ad una condotta illegale, un'inezia, per pochi minuti... per poi ritornare alla solita noia quotidiana.
Rizzoli Lizard propone il fumetto Piccoli Furti in un elegante versione quasi bonellide ma cartonato e con pagine di grammatura superiore.




21.9.18

2018 Free Comic Book Day Italia





Dal 2002 con cadenza annuale in USA è stato istituito il FCBD (freecomicbookday.com), lo scopo è fare avvicinare i lettori verso nuovi prodotti a fumetti in forma gratuita. E' uno degli eventi più attesi perché permette di conoscere tanti nuovi titoli, di tanti editori differenti, in un unico evento in Fumetteria!

Da qualche anno a questa parte anche in Italia è partita la voglia di emulare questo evento americano. Ma in definitiva il primo Dicembre prossimo (2018) c'è una svolta definitiva. Per la prima volta saranno in 3 gli editori che nella stessa giornata parteciperanno al Free Comic Book Day Italia: Panini Comics, Sergio Bonelli Editore, RW Edizioni. Sarebbe fantastico se anno dopo anno anche le altre case editrici italiane aderiranno a questo evento in contemporanea...

Per sapere quali saranno gli albi gratuiti distribuiti a Dicembre leggi questo post: prontiallerese.blogspot.com/fcbditalia18-il-primo-vero-free-comic.html




18.9.18

Starlight, Goran Parlov





Il nome dell'autore scozzese Mark Millar non vi è nuovo, vero? E' uno dei fumettisti contemporanei, nel mondo del #comics americano e non solo, ad avere più fiuto, ad essere sempre sul pezzo. La partnership che ha portato a termine con Netflix è uno dei suoi più recenti colpacci, sarà quasi impossibile che non usciranno Serie TV e Film di buon livello!

Starlight raccoglie in sè le caratteristiche che amo di più di Millar: la nostalgia degli anni passati e l'amore incondizionato per i comics (un po' come era reso evidente anche in "Superior"). Tra citazioni non troppo velate - per non dire evidenti - a Flash Gordon, in questa breve storia (raccolta in un unico volume cartonato) esalta enormemente la bravura del disegnatore croato Goran Parlov.







Seguo Parlov da decenni ormai, il suo tratto essenziale e preciso lo reputo notevole. Nasce come disegnatore in bianco e nero per il mercato italiano ed europeo ("Sergio Bonelli Editore" prevalentemente) ma negli ultimissimi anni è approdato nelle grandi case del fumetto USA. E fidatevi se affermo che Starlight è la sua opera artistica migliore. Da avere assolutamente.





14.9.18

Rivoluzione Marvel, finalmente! (Parte 1)





L'attesa è finita! Dopo anni di storie e decisioni al limite dell'incomprensibile la Marvel (divisione fumetti) ha cambiato rotta, lentamente nel suo stile, ma ora è il momento. Con il nuovo Editor-in-Chief - ora c'è C.B. Cebulski - la musica è cambiata... Si torna all'essenza della Marvel, agli eroi che amiamo da sempre.

In questi giorni sono state annunciate le nuove serie coinvolte nel rilancio in Italia (la maggioranza di esse hanno team creativi modificati). E' il momento giusto, anche per i nuovi lettori, per poter entrare in continuity. Ma bando alle ciance, ecco l'elenco:


Avengers 1 
Jason Aaron - Ed McGuinnes
15 Novembre 2018
Euro 3,50


Amazing Spider-Man 1
Nick Spencer - Ryan Ottley
15 Novembre 2018
Euro 3,90


Iron Man 1 
Dan Slott - Valerio Schiti
8 Novembre 2018
Euro 2,00


Venom 1 
Donny Cates - Ryan Stegman
29 Novembre 2018
Euro 3,50


Doctor Strange 1 
Mark Waid - Jesus Saiz
29 Novembre 2018
Euro 2,00


Thor 1 
Jason Aaron - Mike del Mundo
8 Novembre 2018
Euro 3,50


Deadpool 1 
Skottie Young - Nic Klein
8 Novembre 2018
Euro 3,50


Immortal Hulk 1
Al Ewing - Joe Bennett
22 Novembre 2018
Euro 2,00



10.9.18

Serie TV e la sindrome da Cinecomics






Andiamo a delimitare l'argomento, parlerò delle Serie TV Marvel/Netflix e la deriva che stanno prendendo...


Fin dagli esordi del progetto The Defenders molti appassionati di comics si erano esaltati, specialmente dopo l'esordio scoppiettante della prima stagione di Daredevil. Quei lettori a fumetti (anche io ammetto) e sottoscrittori della piattaforma digitale Netflix erano in visibilio, finalmente c'erano prodotti adulti sui supereroi, proprio come nei fumetti! Non erano storie preconfezionate ad uso e consumo rapido, come tanti cinecomics (ne ho parlato qui) ma Serie TV che non avrebbero tradito la controparte cartacea...

Le cose parevano andare bene, dopo la prima stagione di Daredevil ci fu: la prima scoppiettante stagione su Jessica Jones, poi ancora Daredevil (seconda stagione), la simpatica prima stagione su Luke Cage, e la prima stagione su Iron Fist (non amata da tutti in realtà). 







Ma poi arrivò la tanto attesa serie collettiva The Defenders, che non supera la sufficienza ad essere di animo generoso. E il declino continuò fino ad arrivare ad oggi! Le stagioni 2 di Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist sono nettamente inferiori alla specifica prima stagione (vi dico solo che sto rivalutando grandemente l'appena passabile serie su Black Lightning uscita questo anno e prodotta sempre da Netflix). E' probabile che l'eccessiva voglia di sfornare tante Serie TV sui supereroi sia sfuggita di mano alla Marvel/Netflix, un po' come i cinecomics Marvel e DC dell'ultimo periodo. Pare che il loro motto potrebbe essere "meglio tante uscite... anche se con poca qualità".

Che la Marvel (o sarebbe meglio dire la Disney?) ha tale tendenza non mi stupisce affatto, ma che anche Netflix segue la stessa china non è bello. Ho grande rispetto nell'operato di Netflix e di come sta rivoluzionando lentamente il panorama del cinema e dei serial televisivi, è quindi un passo falso la gestione (fallimentare?) del progetto The Defenders. Tanto più che a breve Netflix ha intenzione di inaugurare un nuovo universo basato sui comics e sui personaggi ideati da Mark Millar, etichetta Millarworld.

Per concludere, una Serie TV dedicata ad un fumetto/eroe specifico può essere un vero e proprio spasso, se il produttore vuole. Ci sarebbe tutto il tempo a disposizione per raccontare passo passo le vicissitudini apparse nei comics.
E Netflix ce la puoi fare... daje ;)